FORUM NIKONCLUB

Condividi le tue conoscenze, aiuta gli altri e diventa un esperto.

Chiudi
TITOLO*
DOMANDA*
AREA TEMATICA INTERESSATA*
Auxilium Vitae
Reportage dell' Ex manicomio di Volterra
Rispondi Nuova Discussione
busher
Messaggio: #1
Ciao a tutti, è tanto che non posto qualcosa sul forum. Perdonatemi rolleyes.gif
Oggi vorrei proporvi questo reportage fatto tempo fa sul manicomio di Volterra. Per l'occasione avevo fatto delle ricerche per trovare indicazioni su vari luoghi e padiglioni "nascosti" oltre a quelli più famosi. Il complesso sanitario di Volterra è enorme. Il lavoro che vi presento è il risultato di 4 uscite in solitario.
Ho aggiunto anche un po di testo descrittivo, quasi tutto completamente riportato da fonti web, libri e articoli di giornale.
Si trovano migliaia di foto del luogo, qui la mia interpretazione.
Buone foto a tutti.
Andrea

1_Esterno Padiglione ferri
L’ex ospedale psichiatrico di Volterra, un’istituzione per il ricovero di malati mentali, nacque nel 1887 con la costituzione di una sezione per “dementi” all’interno dei locali dell’ex convento di San Girolamo.
Tutto iniziò con l’ingresso di quattro donne in quei locali.
Quello fu il primo nucleo di ciò che sarebbe diventato uno dei più grandi manicomi d’Italia.
IPB Immagine




2_Esterno Padiglione Charcot
Legge n. 180
Dal 1978, in seguito alla legge n.180, l’ospedale è in stato di abbandono.
IPB Immagine




3_ Padiglione Ferri
Disposizione sui manicomi e sugli alienati. Legge 14 Febbraio 1904, n. 36
Art. 1
Devono essere custodite e curate nei manicomi le persone affette per qualunque causa da alienazione mentale, quando siano pericolose a se o agli altri e riescano di pubblico scandalo e non siano e non possano essere convenientemente custodite e curate fuorché nei manicomi.
IPB Immagine




4_Padiglione Maragliano
«Sapevi solo quando entravi ma non sapevi quando uscivi. Una volta internato perdevi il diritto di voto e non eri più una persona».
IPB Immagine




5_Padiglione Charcot
La struttura sanitaria era di tipo gerarchico, “piramidale” dove ognuno era responsabile delle proprie azioni solo nei confronti delle persone da cui dipendeva direttamente. Era il primario che distribuiva gli ordini a tutto lo staff: gli infermieri eseguivano gli ordini e i pazienti li subivano. Non c’era nessun tipo di rapporto tra lo staff tecnico e i pazienti che venivano strumentalizzati.
IPB Immagine




6_Padiglione Livi
Il clima era carcerario: gli infermieri venivano chiamati “guardie” o “superiori”, le finestre dei reparti erano protette da sbarre che di notte venivano chiuse a chiave.
IPB Immagine




7_Padiglione Chiarugi
Dal regolamento interno: “Gli infermieri non devono tenere relazioni con le famiglie dei malati, darne notizie, portar fuori senz’ordine lettere, oggetti, ambasciate, saluti; né possono recare agli ammalati alcuna notizia dal di fuori, né oggetti, né stampe, né scritti…“.
IPB Immagine




8_Padiglione Charcot
Fu il primo Padiglione realizzato sul Poggio alle Croci
I lavori iniziarono il giorno 11 giugno 1927 e furono ultimati nel Luglio del 1928.
IPB Immagine




9_Padiglione Ferri
Il secondo edificio costruito sul Poggio delle Croci intorno al 1930 è il Padiglione Ferri dove venivano ricoverati i pazienti ritenuti più pericolosi.
IPB Immagine




10_Padiglione Maragliano
Sempre negli anni trenta fu realizzato il terzo Padigione, il Maragliano, il quale doveva sopperire alla urgente necessità di ricoverare i malati uomini di tubercolosi.
Il padiglione fu costruito sul Poggio alle Croci in località intermedia tra il Padiglione Charcot ed il Padiglione “Ferri”. L’orientamento fu pensato con l’entrata a sud in modo che la parte destinata agli ammalati completamente protetta dai venti del nord avesse perfetta esposizione ai raggi solari.
IPB Immagine




11_Padiglione Livi
Il reparto che ospitava pazienti di sesso femminile particolarmente agitate.
IPB Immagine




12_Padiglione Chiarugi
Il padiglione realizzato nel 1937, con lo scopo di ospitare i minori “malati di mente”.
IPB Immagine




13_Padiglione Chiarugi
«Grafico metrico mobile della mortalità ospedaliera:
10% per radiazioni magnetiche teletrasmesse
40% per malattie varie trasmesse o provocate
50% per odi e rancori personali provocati o trasmessi»
[Nof4]
IPB Immagine




14_Il Cimitero di San Finocchi
Solo il Cimitero di San Finocchi, meglio conosciuto come il “Cimitero dei matti”, rimarrà l’estrema testimonianza del passaggio terreno di quelle anime afflitte e inquiete. Sepolcri caduti nell’oblio racconteranno storie di un’umanità misteriosa, diversa, schivata, dimenticata, abbandonata.
IPB Immagine

Ricpic
Staff
Messaggio: #2
Ciao Andrea,
comgratulazioni! E' un lavoro molto bello, alcune foto sembrano popolarsi di pazienti. Bella la chiave low che caratterizza tutto il lavoro. Mi piacerebbe vedere qualcosa d'altro tuo magari più originale, il web è pieno di reportage di ex manicomi.

Bravo
Ric
NicolaSantolin
Messaggio: #3
Un bel reportage. Foto ben studiate e anche PP ciao.
Maurizio Rossi
VICE ADMIN
Messaggio: #4
Ciao e bentornato, un classico di questa location,
ben gestito e ripreso, alcune immagini sono con le ombre leggermente chiuse che aprirei per maggior leggibilità,
comunque Pollice.gif
busher
Messaggio: #5
QUOTE(Ricpic @ Jun 11 2019, 11:52 AM) *
Ciao Andrea,
comgratulazioni! E' un lavoro molto bello, alcune foto sembrano popolarsi di pazienti. Bella la chiave low che caratterizza tutto il lavoro. Mi piacerebbe vedere qualcosa d'altro tuo magari più originale, il web è pieno di reportage di ex manicomi.

Bravo
Ric


Ciao Ric, ti ringrazio per l'apprezzamento.
qui sul forum avevo postato questo lavoro, un mio esperimento personale dove ho cercato di rappresentare un concetto della società contemporanea attraverso delle immagini.
Se ti vai ti lascio qui il link: https://www.nikonclub.it/forum/-t368300.html



QUOTE(NicolaSantolin @ Jun 12 2019, 11:30 PM) *
Un bel reportage. Foto ben studiate e anche PP ciao.


Grazie smile.gif

QUOTE(Maurizio Rossi @ Jun 13 2019, 12:40 AM) *
Ciao e bentornato, un classico di questa location,
ben gestito e ripreso, alcune immagini sono con le ombre leggermente chiuse che aprirei per maggior leggibilità,
comunque Pollice.gif


Ciao Maurizio, guarda devo essere sincero, sono stato molto a pensare a come voler rappresentare il reportage e quale chiave di lettura dargli. Soprattutto in fase di scatto. Il bianco e nero mi è sembrato scontato. Alla fine ho cercato di rappresentare più fedelmente possibile la luce presente nei luoghi, ho esposto in modo da preservare i bianchi senza aprire le ombre per non alterare l'atmosfera. Ho scattato come se avessi fatto in analogico dando 1/3 di stop di correzione. La gamma dinamica del sensore è impressionante, io c'ho messo solo l'occhio smile.gif
Un caro saluto
Maurizio Rossi
VICE ADMIN
Messaggio: #6
Pollice.gif
aldosartori
Messaggio: #7
Volterra...sempre voluto vederlo. Vivo a Racconigi (CN) e anche qui c'è il manicomio abbandonatoi n cui sono riuscito a fare pochi scatti, con la ripromessa di tornarci con calma, ma è stato completamente blindato per rischio crollo ed essendo messo in centro al paese, resta molto difficile entrare.
Hai ben descritto visivamente le stesse sensazioni provate da me nel "mio" manicomio....
Ottimo lavoro!
 
Discussioni simili Iniziata da Forum Risposte Ultimo messaggio
Auxilium Vitae busher Street e Reportage 6 17-08-2019 09:12